Alessandro Gassmann

Alessandro Gassmann, nato Gassman[1] (Roma, 24 febbraio 1965), è un attore e regista italiano.

Biografia

Nasce a Roma il 24 febbraio 1965 dalla relazione fra Vittorio Gassman e l'attrice francese Juliette Mayniel, che si lasciano quando ha 3 anni.[2][3] Debutta a 17 anni nel film autobiografico Di padre in figlio, scritto, diretto e interpretato con il padre Vittorio, con il quale poi studia recitazione presso la Bottega Teatrale di Firenze. Nel 1984 interpreta a teatro Affabulazione di Pier Paolo Pasolini. Nel 1996 inizia un sodalizio artistico con Gianmarco Tognazzi, inevitabilmente accostato a quello fra i rispettivi padri,[4] che li ha visti recitare assieme nei film Uomini senza donne, Facciamo fiesta, Lovest, I miei più cari amici, Teste di cocco, Ex e Natale a Beverly Hills, nella versione teatrale di A qualcuno piace caldo e doppiare il cartone animato La strada per El Dorado.

Alessandro Gassman e il padre Vittorio alla Bottega Teatrale di Firenze nel 1983

Nel 1997 recita nel film Il bagno turco di Ferzan Özpetek, che riscuote un ottimo successo. La sua interpretazione gli vale molti riconoscimenti. Viene scelto da Yves Saint Laurent come testimonial per la campagna pubblicitaria del profumo Opium e posa nudo per il calendario sexy 2001 della rivista Max;[5] diviene inoltre testimonial per Lancia, della Musa, e presta la sua faccia per il liquore Glen Grant. Successivamente partecipa a fiction TV come Piccolo mondo antico, Le stagioni del cuore, La guerra è finita e La sacra famiglia, partecipa negli Stati Uniti d'America al film d'azione Transporter: Extreme e in Italia al film drammatico Non prendere impegni stasera.

È del 2008 la sua partecipazione al film Caos calmo dove, per la parte del fratello del protagonista interpretato da Nanni Moretti, vince il David di Donatello per il miglior attore non protagonista, il Ciak d'oro, il Nastro d'argento e il Globo d'oro della stampa estera. Nello stesso anno adatta per il teatro il dramma La parola ai giurati, scritto da Reginald Rose nel 1954 e già oggetto di un film di Sidney Lumet del 1957: lo spettacolo viene riproposto anche nel 2009, anno in cui è nuovamente protagonista sul grande schermo di 4 padri single di Paolo Monico, Ex di Fausto Brizzi e Il compleanno di Marco Filiberti e sul piccolo di Pinocchio di Alberto Sironi.

Dal 2010 al 2014 è stato il direttore del Teatro stabile del Veneto Carlo Goldoni; nello stesso anno, insieme a Giancarlo Scarchilli, ha realizzato un documentario sul padre Vittorio a dieci anni dalla scomparsa, Vittorio racconta Gassman, presentato in apertura della Mostra del Cinema di Venezia. Nel 2012 sostituisce Luca Argentero per cinque puntate alla conduzione del programma Le iene.[6] Sempre dal 2012 stabilisce un sodalizio artistico con Massimiliano Bruno per il quale interpreta i film Viva l'Italia (2012), Gli ultimi saranno ultimi (2015), Beata ignoranza (2017), Non ci resta che il crimine (2019) e il suo seguito Ritorno al crimine (2021). Nel 2013 al Bifest riceve il Premio Francesco Laudadio per la miglior opera prima e seconda per il film Razzabastarda.

Nel 2017 dirige il film Il premio, di cui è anche interprete assieme a Gigi Proietti.[7] Nel 2021 viene presentato al Festival del cinema di Venezia il suo nuovo film Il silenzio grande con Massimiliano Gallo e Margherita Buy, tratto dal suo spettacolo teatrale del 2019; nello stesso anno è membro della giuria al trentanovesimo Torino Film Festival. Inizia il 2022 tornando a teatro con Il silenzio grande e Racconti disumani, spettacolo con protagonista Giorgio Pasotti,[8] e pubblicando Io e i #GreenHeroes, un diario di impegno civico scritto con Roberto Bragalone e cui proventi verranno utilizzati per piantare alberi.[9]

Vita privata

È sposato dal 1998 con l'attrice Sabrina Knaflitz, dalla quale nello stesso anno ha avuto un figlio, Leo,[10] cantautore.

Ateo, preferisce definirsi "non credente".[11] Da molti anni è testimonial di Unipol.[12]

Filmografia

Attore

Cinema

Alessandro Gassmann con Paolo Genovese, Gianni Profita, Luca Miniero e Silvio Orlando nel 2008
  • Di padre in figlio, regia di Alessandro e Vittorio Gassman (1982)
  • Windsurf - Il vento nelle mani, regia di Claudio Risi (1984) (come Alessandro Bellacanzone)
  • La monaca di Monza, regia di Luciano Odorisio (1987)
  • I soliti ignoti vent'anni dopo, regia di Amanzio Todini (1987)
  • Quando eravamo repressi, regia di Pino Quartullo (1992)
  • Ostinato destino, regia di Gianfranco Albano (1992)
  • Uova d'oro (Huevos de oro), regia di Bigas Luna (1993)
  • Un mese al lago (A Month by the Lake), regia di John Irvin (1995)
  • Uomini senza donne, regia di Angelo Longoni (1996)
  • Mi fai un favore, regia di Giancarlo Scarchilli (1996)
  • Facciamo fiesta, regia di Angelo Longoni (1997)
  • Lovest, regia di Giulio Base (1997)
  • Nessuno escluso, regia di Massimo Spano (1997)
  • Il bagno turco (Hamam), regia di Ferzan Özpetek (1997)
  • I miei più cari amici, regia di Alessandro Benvenuti (1998)
  • Toni, regia di Philomène Esposito (1999)
  • La bomba, regia di Giulio Base (1999)
  • Teste di cocco, regia di Ugo Fabrizio Giordani (2000)
  • I banchieri di Dio - Il caso Calvi, regia di Giuseppe Ferrara (2002)
  • Guardiani delle nuvole, regia di Luciano Odorisio (2004)
  • La separazione, regia di Mariano Provenzano (2005)
  • Transporter: Extreme (Transporter 2), regia di Louis Leterrier (2005)
  • Non prendere impegni stasera, regia di Gianluca Maria Tavarelli (2006)
  • Caos calmo, regia di Antonello Grimaldi (2008)
  • Il seme della discordia, regia di Pappi Corsicato (2008)
  • 4 padri single, regia di Paolo Monico (2009)
  • Ex, regia di Fausto Brizzi (2009)
  • Il compleanno, regia di Marco Filiberti (2009)
  • Natale a Beverly Hills, regia di Neri Parenti (2009)
  • Basilicata coast to coast, regia di Rocco Papaleo (2010)
  • Il padre e lo straniero, regia di Ricky Tognazzi (2010)
  • La donna della mia vita, regia di Luca Lucini (2010)
  • American Snow, regia di Romeo Antonio (2011)
  • Baciato dalla fortuna, regia di Paolo Costella (2011)
  • Ex - Amici come prima!, regia di Carlo Vanzina (2011)
  • Viva l'Italia, regia di Massimiliano Bruno (2012)
  • Razzabastarda, regia di Alessandro Gassmann (2013)
  • Tutta colpa di Freud, regia di Paolo Genovese (2014)
  • I nostri ragazzi, regia di Ivano De Matteo (2014)
  • Il nome del figlio, regia di Francesca Archibugi (2015)
  • Se Dio vuole, regia di Edoardo Falcone (2015)
  • Gli ultimi saranno ultimi, regia di Massimiliano Bruno (2015)
  • Torn - Strappati, regia di Alessandro Gassmann (2015)
  • Onda su onda, regia di Rocco Papaleo (2016)
  • Non c'è più religione, regia di Luca Miniero (2016)
  • Beata ignoranza, regia di Massimiliano Bruno (2017)
  • Il premio, regia di Alessandro Gassmann (2017)
  • Una storia senza nome, regia di Roberto Andò (2018)
  • Non ci resta che il crimine, regia di Massimiliano Bruno (2019)
  • Croce e delizia, regia di Simone Godano (2019)
  • Mio fratello rincorre i dinosauri, regia di Stefano Cipani (2019)
  • Non odiare, regia di Mauro Mancini (2020)
  • Ritorno al crimine, regia di Massimiliano Bruno (2021)
  • Il pataffio, regia di Francesco Lagi (2022)

Televisione

  • Un bambino di nome Gesù, regia di Franco Rossi - miniserie TV (1987)
  • Il commissario Corso, regia di Gianni Lepre (1991)
  • Il giudice istruttore - serie TV, 1 episodio (1987)
  • L'altro enigma, regia di Vittorio Gassman e Carlo Tuzii - film TV (1988)
  • La primavera di Michelangelo, regia di Jerry London (1991)
  • Comprarsi una vita, regia di Domenico Campana - film TV (1991)
  • Ulisse e la balena bianca, regia di Rubino Rubini - film TV (1992)
  • C'era una volta Biancaneve (Sněhurka a sedm trpasliku), regia di Ludvík Ráža – film TV (1992)
  • Due volte vent'anni, regia di Livia Giampalmo - film TV (1994)
  • La famiglia Ricordi, regia di Mauro Bolognini - miniserie TV (1995)
  • Sansone e Dalila, regia di Nicolas Roeg - miniserie TV (1996)
  • Nuda proprietà vendesi, regia di Enrico Oldoini - film TV (1997)
  • Nessuno escluso, regia di Massimo Spano - film TV (1997)
  • Lourdes, regia di Lodovico Gasparini - miniserie TV (2000)
  • Crociati, regia di Dominique Othenin-Girard - miniserie TV (2001)
  • Piccolo mondo antico, regia di Cinzia TH Torrini - miniserie TV (2001)
  • La guerra è finita, regia di Lodovico Gasparini - miniserie TV (2002)
  • Le stagioni del cuore, regia di Antonio Luigi Grimaldi - serie TV (2004)
  • Dalida, regia di Joyce Buñuel - miniserie TV (2005)
  • La sacra famiglia, regia di Raffaele Mertes - miniserie TV (2006)
  • Codice rosso - serie TV, 12 episodi (2006)
  • I Cesaroni - serie TV, 2 episodi (2008)
  • Pinocchio, regia di Alberto Sironi - miniserie TV (2008)
  • Un Natale per due, regia di Giambattista Avellino – film TV (2011)
  • Una grande famiglia, regia di Riccardo Milani - serie TV (2012-2015)
  • Un Natale con i fiocchi, regia di Giambattista Avellino - film TV (2012)
  • I bastardi di Pizzofalcone, regia di Carlo Carlei, Alessandro D'Alatri e Monica Vullo - serie TV, 18 episodi (2017-in corso)
  • Io ti cercherò, regia di Gianluca Maria Tavarelli - serie TV (2020)
  • Un professore, regia di Alessandro D'Alatri - serie TV (2021)

Regista

  • Di padre in figlio (con Vittorio Gassman, 1982)
  • Razzabastarda (2013)
  • Torn - Strappati (2015)
  • Il premio (2017)
  • Il silenzio grande (2021)[13]

Doppiatore

  • Miguel ne La strada per El Dorado e Oro e gloria: La strada per El Dorado
  • Vania ne Il più grande uomo scimmia del Pleistocene
  • Serpente ne Il piccolo principe
  • Primo Gemito in Gatta Cenerentola
  • Grinch ne Il Grinch
  • Filo Superior ne I Croods 2 - Una nuova era

Televisione

  • Le iene (Italia 1, 2012)

Doppiatori italiani

  • Roberto Chevalier in I soliti ignoti vent'anni dopo
  • Riccardo Rossi in C'era una volta Biancaneve

Teatro

  • Delitto per Delitto, con Beppe Fiorello, regia di Alessandro Benvenuti, da un romanzo di Patricia Highsmith (2003)
  • R III - Riccardo Terzo, da William Shakespeare, traduzione e adattamento di Vitaliano Trevisan (2014)
  • 7 minuti, (2016)
  • Fronte del porto, di Budd Schulberg, traduzione e adattamento di Enrico Ianniello (2019)
  • Il silenzio grande, di Maurizio De Giovanni, regia di Alessandro Gassmann (2019, 2022)
  • Racconti disumani, di Franz Kafka, regia di Alessandro Gassmann (2022)

Discografia parziale

Album

  • 1994 - Camper (Teatro Musica, CD) con Vittorio Gassman, Sabrina Knaflitz, Jacopo Gassman

Riconoscimenti

  • Premio Hystrio 2000 - Altre Muse
  • David di Donatello 2008 - Miglior attore non protagonista per Caos calmo
  • Nastri d'argento 2008 - Miglior attore non protagonista per Caos calmo
  • Nastri d'argento 2013 - Premio Hamilton behind the camera - Opera prima per Razzabastarda
  • Nastri d'argento 2015 - Miglior attore protagonista per I nostri ragazzi e Il nome del figlio
  • Globi d'oro 2008 - Globo d'oro speciale per Caos calmo
  • Globi d'oro 2013 - Migliore attore per Razzabastarda
  • Ciak d'oro 2008 - Miglior attore non protagonista per Caos calmo[14]
  • Ciak d'oro 2015 - Super Ciak d'oro[15]
  • Ciak d'oro 2021 - Miglior regista per Il silenzio grande[16]
  • Premio Pipolo Tuscia Cinema speciale - per Croce e delizia
  • CoA Città di Napoli.svg Cittadinanza onoraria della Città di Napoli il 17 novembre 2018[17]
  • Premio Pasinetti 2020 per la migliore interpretazione maschile - 77ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia - per Non odiare
  • Premi Flaiano 2021 - Migliore interpretazione maschile per Non odiare
  • Premio Flaiano sezione teatro[18]
    • 2008 - Premio per l'interpretazione in La parola ai giurati di Reginald Rose
    • 2012 - Premio per l'interpretazione in Roman e il suo cucciolo di Reinaldo Povod

Note

  1. ^ Con quante “enne” si scrive: Gassman o Gassmann? - SkyTg24
  2. ^ Vittorio Gassman, su IMDb. URL consultato il 31 dicembre 2016.
  3. ^ Paola Gassman - Curiosità e citazioni - Movieplayer.it, su movieplayer.it. URL consultato il 31 dicembre 2016.
  4. ^ GASSMAN-TOGNZZI Uomini senza donne, su apriteilsipario.it. URL consultato il 31 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2007).
  5. ^ Maria Teresa Veneziani, Alessandro Gassman: «Poso nudo per rivedermi bello anche tra anni», in Corriere della Sera, 26 settembre 2000. URL consultato il 10 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  6. ^ Le Iene festeggia i suoi primi 15 anni, su tgcom24.mediaset.it. URL consultato il 27 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 20 gennaio 2012).
  7. ^ IL PREMIO, su mymovies.it.
  8. ^ Teatro: Pasotti e Gassmann con Racconti disumani da Kafka | ANSA.it, su ansa.it. URL consultato il 15 febbraio 2022.
  9. ^ #GreenHeroes – Inaugurati i primi frutteti solidali dai proventi del libro di Alessandro Gassmann - RomaDailyNews, su romadailynews.it. URL consultato il 15 febbraio 2022.
  10. ^ Antonella Amendola, Alessandro Gassman: "A mio figlio dico: segui le regole", su Oggi - Gossip, 12 febbraio 2011. URL consultato il 17 novembre 2015.
  11. ^ In un'intervista al periodico "Di Lei" ha dichiarato: non sono un credente ma ho grande rispetto e invidia per chi lo è.
  12. ^ Unipol Sai - Alessandro Gassmann
  13. ^ Ha curato anche la sceneggiatura
  14. ^ Tutti i Ciak d'oro 2008, su news.cinecitta.com. URL consultato l'11 giugno 2008.
  15. ^ Ciak d’oro 2015, i vincitori – Trionfa Il giovane favoloso di Martone: 5 premi tra cui miglior film, su ilfattoquotidiano.it. URL consultato il 3-06-15.
  16. ^ Ciak d’Oro 2021: i vincitori, su ciakmagazine.it, 19 novembre 2021. URL consultato il 12 gennaio 2022.
  17. ^ Alessandro Gassmann cittadino di Napoli - Campania, su ANSA.it, 17 novembre 2018. URL consultato il 16 gennaio 2022.
  18. ^ Albo d'oro dei premiati, su premiflaiano.com. URL consultato il 18 maggio 2022.

Bibliografia

  • Alessandro Gassmann, Sbagliando l’ordine delle cose. Mondadori, 2012.
  • Alessandro Gassmann e Roberto Bragalone, Io e i #GreenHeroes. Perché ho deciso di pensare verde, Piemme, 2022, ISBN 9788856682939.

Altri progetti

Altri progetti

  • Wikiquote
  • Wikimedia Commons
  • Collabora a Wikiquote Wikiquote contiene citazioni di o su Alessandro Gassmann
  • Collabora a Wikimedia Commons Wikimedia Commons contiene immagini o altri file su Alessandro Gassmann

Collegamenti esterni

  • Gassman, Alessandro, su Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. Modifica su Wikidata
  • Registrazioni di Alessandro Gassmann, su RadioRadicale.it, Radio Radicale. Modifica su Wikidata
  • (EN) Alessandro Gassmann, su Discogs, Zink Media. Modifica su Wikidata
  • (EN) Alessandro Gassmann, su MusicBrainz, MetaBrainz Foundation. Modifica su Wikidata
  • Alessandro Gassmann, su CineDataBase, Rivista del cinematografo. Modifica su Wikidata
  • Alessandro Gassmann, su MYmovies.it, Mo-Net Srl. Modifica su Wikidata
  • (EN) Alessandro Gassmann, su Internet Movie Database, IMDb.com. Modifica su Wikidata
  • (EN) Alessandro Gassmann, su AllMovie, All Media Network. Modifica su Wikidata
  • (DEEN) Alessandro Gassmann, su filmportal.de. Modifica su Wikidata
Predecessore David di Donatello per il miglior attore non protagonista Successore
Giorgio Colangeli
per L'aria salata
2008
per Caos calmo
Giuseppe Battiston
per Non pensarci
Controllo di autoritàVIAF (EN) 74052094 · ISNI (EN) 0000 0001 1447 941X · SBN TO0V018916 · LCCN (EN) nr00012066 · GND (DE) 140665781 · BNF (FR) cb14036248b (data) · J9U (ENHE) 987007436860705171 · CONOR.SI (SL) 99521635 · WorldCat Identities (EN) lccn-nr00012066
  Portale Biografie
  Portale Cinema
  Portale Teatro
  Portale Televisione