Eva Twardokens

Eva Twardokens
Nazionalità 22 Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 165 cm
Peso 61 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Specialità Supergigante, slalom gigante, slalom speciale, combinata
Termine carriera 1995
Palmarès
Mondiali 0 0 1
Nor-Am Cup 1 trofeo
Per maggiori dettagli vedi qui
 
Modifica dati su Wikidata · Manuale

Eva Twardokens (Reno, 28 aprile 1965) è un'ex sciatrice alpina statunitense, vincitrice di una medaglia iridata e della Nor-Am Cup nel 1984.

Biografia

Era figlia dello schermidore polacco Jerzy[1][2]. In Coppa del Mondo ottenne il primo piazzamento il 17 dicembre 1982 a Piancavallo in combinata (13ª) e nella stagione 1983-1984 vinse sia la Nor-Am Cup generale, sia la classifica di slalom gigante[3]. Il 26 gennaio 1985 conquistò il primo podio in Coppa del Mondo arrivando 2ª nel supergigante di Arosa alle spalle della tedesca occidentale Marina Kiehl per 34 centesimi[4] e meno di un mese dopo, in occasione dei Mondiali di Bormio 1985 (sua prima presenza iridata), raggiunse l'apice della carriera conquistando la medaglia di bronzo nello slalom gigante; si classificò inoltre 10ª nello slalom speciale e 7ª nella combinata. Ai successivi Mondiali di Crans-Montana 1987 fu 14ª nel supergigante, 13ª nello slalom gigante, 9ª nello slalom speciale e 8ª nella combinata; in quella stessa stagione 1986-1987 in Nor-Am Cup vinse la classifica di slalom speciale[5].

Ai Mondiali di Vail 1989, nello slalom speciale fu 8ª; 5ª nello slalom gigante di Saalbach-Hinterglemm 1991, sua ultima partecipazione iridata, il 10 febbraio dello stesso anno giunse nuovamente 2ª in una gara di Coppa del Mondo, lo slalom gigante disputato sulle nevi di Zwiesel, dietro ad Anita Wachter. Il 20 gennaio dell'anno seguente a Piancavallo salì per l'ultima volta sul podio classificandosi 3ª, sempre in slalom gigante; al debutto olimpico, Albertville 1992, fu 8ª nel supergigante, 7ª nello slalom gigante e non concluse lo slalom speciale.

Ai XVII Giochi olimpici invernali di Lillehammer 1994, suo congedo olimpico, si classificò 6ª nello slalom gigante e non terminò lo slalom speciale. Si ritirò dalle competizioni al termine della stagione 1994-1995: la sua ultima gara in Coppa del Mondo lo slalom gigante di Bormio del 18 marzo (14ª), mentre la sua ultima gara in carriera fu lo slalom speciale dei Campionati statunitensi 1995, il 27 marzo a Park City, in cui fu 7ª.

Palmarès

Mondiali

Coppa del Mondo

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 14ª nel 1991
  • 3 podi (1 in supergigante, 2 in slalom gigante):
    • 2 secondi posti
    • 1 terzo posto

Coppa Europa

Coppa Europa - vittorie

Data Località Paese Specialità
19 gennaio 1995 Innerkrems Austria Austria SG

Legenda:
SG = supergigante

Nor-Am Cup

Campionati statunitensi

Note

  1. ^ a b (EN) Eva Twardokens, su skihall.com, 2011. URL consultato il 7 novembre 2021.
  2. ^ (EN) Eva Twardokens, su olympedia.org. URL consultato il 7 novembre 2021.
  3. ^ a b c d (EN) U.S. Ski Team. The Records 1984, in SKI Buyers' Guide 1985, New York, Times Mirror Magazines, 1984, p. 129. URL consultato il 21 agosto 2022.
  4. ^ (EN) Referto della gara, su data.fis-ski.com. URL consultato il 20 settembre 2010.
  5. ^ a b c d (EN) Who Won What in 1987, in SKI Magazine, New York, National Collegiate Ski Association, ottobre 1987, p. 226. URL consultato il 23 luglio 2022.
  6. ^ (EN) Eva Twardokens - Results - National Championships, su fis-ski.com. URL consultato il 7 novembre 2021.
  7. ^ (EN) Scoreboard: Who Won What in 1984-85, in SKI Magazine, New York, National Collegiate Ski Association, ottobre 1985, p. 174. URL consultato il 21 agosto 2022.
  8. ^ (EN) Scoreboard: Who Won What in '90-'91, in SKI Magazine, New York, National Collegiate Ski Association, settembre 1991, p. 22E. URL consultato il 26 febbraio 2022.
  9. ^ a b (EN) Janet Woolum, Alpine Skiing U.S. National Champions, in Outstanding Women Athletes. Who They Are and How They Influenced Sports in America, 2ª ed., Phoenix, Oryx Press, 1998, pp. 347-349, ISBN 1-57356-120-7. URL consultato il 26 febbraio 2022.
  10. ^ (EN) Who Won What in 1988-89, in SKI Magazine, New York, National Collegiate Ski Association, ottobre 1989, p. 36. URL consultato il 27 maggio 2022.

Collegamenti esterni

  • (EN) Eva Twardokens, su fis-ski.com, FIS. Modifica su Wikidata
  • (EN) Matteo Pacor, Eva Twardokens, su Ski-DB.com. Modifica su Wikidata
  • (EN) Eva Twardokens, su skihall.com, National Ski Hall of Fame. Modifica su Wikidata
  • (ENFR) Eva Twardokens, su olympics.com, Comitato Olimpico Internazionale. Modifica su Wikidata
  • (EN) Eva Twardokens, su Olympedia. Modifica su Wikidata
  • (EN) Eva Twardokens, su sports-reference.com, Sports Reference LLC (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2017). Modifica su Wikidata
  • (ENESITFRNL) Eva Twardokens, su the-sports.org, Info Média Conseil Inc. Modifica su Wikidata
  Portale Biografie
  Portale Sport invernali