Valia Santella

Abbozzo registi italiani
Questa voce sugli argomenti sceneggiatori italiani e registi italiani è solo un abbozzo.
Contribuisci a migliorarla secondo le convenzioni di Wikipedia. Segui i suggerimenti del progetto di riferimento.

Valia Santella (Napoli, 24 maggio 1965) è una sceneggiatrice e regista italiana, vincitrice di un Nastro d'argento alla migliore sceneggiatura, un premio Flaiano per la sceneggiatura e due David di Donatello per la migliore sceneggiatura originale[1][2][3].

Biografia

Prima assistente e poi regista teatrale, nel 1990 diviene secondo regista di alcuni grandi professionisti italiani. La sua carriera negli anni diventa essenzialmente quella di sceneggiatrice e scrittrice per il cinema.[4]

Filmografia

Regista

  • Te lo leggo negli occhi (2004)

Sceneggiatrice

  • Te lo leggo negli occhi, regia di Valia Santella (2004)
  • Miele, regia di Valeria Golino (2013)
  • Io rom romantica, regia di Laura Halilovic (2014)
  • Mia madre, regia di Nanni Moretti (2015)
  • Pericle il nero, regia di Stefano Mordini (2016)
  • Fai bei sogni, regia di Marco Bellocchio (2016)
  • Napoli velata, regia di Ferzan Özpetek (2017)
  • Euforia, regia di Valeria Golino (2018)
  • Il traditore, regia di Marco Bellocchio (2019)
  • Ariaferma, regia di Leonardo Di Costanzo (2021)
  • Tre piani, regia di Nanni Moretti (2021)
  • La sposa, regia di Giacomo Campiotti – miniserie TV (2022)

Premi e riconoscimenti

Note

  1. ^ a b NASTRI D'ARGENTO 2019, STRAVINCE IL TRADITORE DI MARCO BELLOCCHIO, su MYmovies.it, 29 giugno 2019. URL consultato il 29 giugno 2019.
  2. ^ a b Ivan Zingariello, David di Donatello 2020: trionfa Il traditore di Bellocchio, Favino e Trinca migliori attori, in www.spettacolo.eu, 8 maggio 2020.
  3. ^ a b Davide Turrino, David di Donatello 2022, ecco tutti i vincitori: Paolo Sorrentino miglior regista, È stata la mano di Dio miglior film, in ilfattoquotidiano.it, 4 maggio 2022. URL consultato il 5 maggio 2022.
  4. ^ Valia Santella, su ereditadelledonne.eu, settembre 2018. URL consultato l'11 maggio 2020.

Collegamenti esterni

  • (EN) Valia Santella, su Internet Movie Database, IMDb.com. Modifica su Wikidata
  • (DEEN) Valia Santella, su filmportal.de. Modifica su Wikidata
Controllo di autoritàVIAF (EN) 196148449711615691037 · WorldCat Identities (EN) lccn-no2013139064
  Portale Biografie
  Portale Cinema